Baumgartner: "Sarà molto difficile concludere i campionati. Riforma della Serie C? Non ora"

02 apr 2020 18:51Calcio

A parlare del momento delicato della Serie C è stato a TMW Radio, durante Stadio Aperto, Walter Baumgartner, presidente dell'Fc SudTirol.

Un commento alla situazione:
"Parlare in questo periodo di calcio e del suo futuro non mi lascia tranquillo. E' una situazione particolare, ma con tutte le difficoltà che ci sono, forse si deve parlare anche di calcio. Anche questo è in difficoltà, soprattutto la Serie C, con piccoli-medi imprenditori della periferia impegnati e in serie difficoltà. Si dovrà discutere su come andare avanti".

Qual è la sua posizione in vista dell'assemblea di domani della Serie C?
"Cerco sempre di vedere le cose in modo generale. La mia opinione è che al momento è molto difficile prendere decisioni definitive. Finchè non si sa come sta andando l'epidemia e l'emergenza, è difficile che si possano prendere decisioni. Ma ho una sensazione: per come stanno le cose, difficilmente rimarrà il tempo per finire il campionato, quantomeno nel format iniziale. Oltre il 30 giugno? Sono scettico, non è da fare questa opzione perché si va a unire la vecchia con la nuova stagione. Mescolando le cose, rischiamo di fare più confusione si va incontro ad un prossimo campionato condizionato".

Come mai in Serie A invece c'è chi vuole cominciare e chi no? Lei come la vede?
"E' normale, in queste situazioni dobbiamo vedere gli interessi delle varie società. Ci sono quelli che sono in zona retrocessione, ci sono quelli al vertice e quelli che possono entrare nelle coppe. Il calcio non è differente dagli altri mondi. Ognuno porta avanti i suoi interessi. Ma non possiamo fermarci lì, dobbiamo fare delle scelte, che lascino amarezza o scontenti meno persone possibili".

Una Serie C a 60 squadre sarà da ripensare?
"Non si possono mescolare le cose. Discutere la riforma dei campionato adesso è fuori luogo. Bisogna cercare di trovare una via che non solo soddisfi il territorio sotto l'aspetto economico, ma che dia anche una mano al calcio. Si deve guardare a 360 gradi e gli interessi personali qui non possono esserci. La Serie C ha il ruolo più importante, perché deve garantire la formazione del calcio sul territorio. Il ruolo della Serie C è fondamentale. Una discussione sulla riforma dei campionati deve essere fatta al di fuori di questa situazione d'emergenza".

Quale immagine del suo territorio l'ha colpita di più in questi giorni?
"Siamo al limite anche da noi ma ce la facciamo. Sembra al momento che la curva dei contagi sia verso il basso ora. Vuol dire che le scelte fatte sono giuste e anche la gente ha rispettato abbastanza le regole imposte. Sono fiducioso che nei prossimi giorni la cosa possa andare meglio".

Ha visto un po' di paura tra i suoi calciatori?
"Sì, è normale che un po' ci sia. Ma devo dire che sono bravi ragazzi, che seguono le direttive. Un atleta che deve rimanere in casa è in difficoltà, ma ho la sensazione che stiamo superando abbastanza bene la situazione". 


Walter Baumgartner, Presidente Sudtirol, in vista dell'assemblea di Serie C e sulle ripercussioni dell'emergenza coronavirus. In studio Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy